Green pass per lavoratori e volontari

Entro il 15 ottobre, sia nel pubblico che nel privato, i datori di lavoro devono organizzare le verifiche individuando i soggetti che saranno incaricati di controllare i green pass e comunicare le eventuali violazioni.

In buona sostanza, dal 15 ottobre, “chiunque svolga un’attività lavorativa, per accedere al luogo di lavoro in cui effettua la prestazione, deve possedere, ed esibire su richiesta, il certificato verde”.

È possibile, per meglio organizzarsi, richiedere al lavoratore, prima che arrivi in azienda, il possesso o meno del green pass.
In generale, la norma si applica a tutti i rapporti di lavoro e le persone coinvolte nell’ “obbligo di green pass” sono tutti i soggetti che svolgono a qualsiasi titolo attività:
• lavorativa
• di formazione
• di volontariato

le uniche persone escluse sono, in generale, quelle esenti dalla campagna vaccinale in base ad una idonea certificazione medica.

Nel caso in cui la persona obbligata al possesso del green pass comunichi oppure risulti senza il certificato verde, la stessa viene immediatamente sospesa dal lavoro e perde, da subito, il diritto alla retribuzione fino a quando non dimostri il possesso del green pass.
Se da un lato non è possibile licenziare il dipendente senza il certificato verde, dall’altro il prefetto, al quale è stata comunicata l’assenza di green pass, irroga una sanzione da 600 a 1.500 euro.
Nel caso in cui il datore di lavoro ometta di comunicare la presenza di un lavoratore senza green pass, il prefetto, venuto a conoscenza dell’omissione, irrogherà una sanzione da 400 a 1.000 euro al datore di lavoro.

La normativa coinvolge anche gli studi professionali, titolari, dipendenti e collaboratori, ma sembra non riguardare i clienti.

Casale Monferrato, lì 19 settembre 2021

it_ITItalian

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Per continuare la navigazione clicca su Accetta.</small> Maggiori informazioni

I cookie sono dati che vengono inviati dal sito web e memorizzati dal browser internet nel computer o in altro dispositivo (ad esempio, tablet o cellulare) dell’utente. Potranno essere installati, dal nostro sito internet o dai relativi sottodomini, cookie tecnici e cookie di terze parti. Ad ogni modo, l’utente potrà gestire, ovvero richiedere la disattivazione generale o la cancellazione dei cookie, modificando le impostazioni del proprio browser internet. Tale disattivazione, però, potrà rallentare o impedire l'accesso ad alcune parti del sito. Le impostazioni per gestire o disattivare i cookie possono variare a seconda del browser internet utilizzato, pertanto, per avere maggiori informazioni sulle modalità con le quali compiere tali operazioni, suggeriamo all’Utente di consultare il manuale del proprio dispositivo o la funzione “Aiuto” o “Help” del proprio browser internet. Cookie tecnici analytics, utilizzati per conoscere il modo in cui gli utenti utilizzano il nostro sito web così da poter valutare e migliorare il funzionamento. Le informazioni e le richieste in materia di privacy possono essere rivolte allo Studio Alessio tramite posta elettronica alla casella: privacy@studio-alessio.it

Close