IL CERTIFICATO CHE SEMPLIFICA LA NUOVA NORMA SULLE RITENUTE NELL’APPALTO

Il 6 febbraio, l’Agenzia delle Entrate ha approvato lo schema del certificato che le imprese (appaltatrici, affidatarie e subappaltatrici) potranno richiedere all’Agenzia delle Entrate stessa per poter comunicare al loro committente la sussistenza dei requisiti che consente loro di non applicare la nuova disciplina riservata alle ritenute legati ai contratti di appalto, subappalto e affidamento.Con l’articolo 4 del D.L. 124/2019 (c.d. “Decreto fiscale”) le imprese che affidano il compimento di una o più opere o di uno o più servizi:·         di importo complessivo annuo superiore a euro 200.000 ad un’impresa·         tramite contratti di appalto, subappalto, affidamento ·         caratterizzati da prevalente utilizzo di manodopera presso le sedi di attività del committente·         con l’utilizzo di beni strumentali di proprietà di quest’ultimo o ad esso riconducibili in qualunque formadovranno verificare il regolare pagamento delle ritenute legate ai dipendenti impiegati.Per poterlo fare, le imprese appaltatirci, affidatarie e subappaltatrici dovranno produrre al committente, oltre agli F24 anche:l’elenco contenente:il nominativo di tutti i lavoratori, identificati utilizzando il codice fiscale, impiegati nel mese precedente direttamente per l’esecuzione di opere o servizi affidati dal committente,il dettaglio delle ore di lavoro prestate da ciascun percipiente in esecuzione dell’opera o del servizio affidato,l’ammontare della retribuzione corrisposta al dipendente di cui al punto precedente,il dettaglio delle ritenute fiscali eseguite nel mese precedente nei confronti del/dei lavoratore/i, con la separata indicazione di quelle relative alla prestazione affidata dal committente.le imprese appaltatrici o affidatarie o subappaltatrici possono evitare di produrre al committente questo mare di documenti, in alternativa, una certificazione rilasciata dall’Agenzia delle Entrate (quella il cui schema è stato approvato il 6/2/20).Per poter ottenere questa certificazione, le imprese appaltatrici, affidatarie o subappaltatrici, “in oggetto” devono:risultare in attività da almeno tre anni (requisito da verificare con riferimento all’ultimo giorno del mese oggetto della richiesta, procedendo a ritroso di tre anni),essere in regola con gli obblighi dichiarativi aver eseguito nel corso dei periodi d’imposta cui si riferiscono le dichiarazioni dei redditi presentate nell’ultimo triennio complessivi versamenti registrati nel conto fiscale per un importo non inferiore al 10% dell’ammontare dei ricavi o compensi risultanti dalle dichiarazioni medesime;non avere iscrizioni a ruolo o accertamenti esecutivi o avvisi di addebito affidati agli agenti della riscossione relativi alle imposte sui redditi, all’imposta regionale sulle attività produttive, alle ritenute e ai contributi previdenziali per importi superiori ad euro 50.000, per i quali i termini di pagamento siano scaduti e siano ancora dovuti pagamenti o non siano in essere provvedimenti di sospensione.Queste disposizioni non si applicano per le somme:oggetto di piani di rateazione per i quali non sia intervenuta decadenzala cui sussistenza del requisito sia verificata con riferimento all’ultimo giorno del mese oggetto della richiesta.Questa certificazione, importante per evitare complicati atti burocratici, ha una validità limitata di quattro mesi dalla data del rilascio. Da evidenziare che è esente da imposta di bollo e da altri tributi speciali (ci mancava solo che si facessero pagare..). www.studio-alessio.it

it_ITItalian
en_GBEnglish it_ITItalian

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Per continuare la navigazione clicca su Accetta. Maggiori informazioni

I cookie sono dati che vengono inviati dal sito web e memorizzati dal browser internet nel computer o in altro dispositivo (ad esempio, tablet o cellulare) dell’utente. Potranno essere installati, dal nostro sito internet o dai relativi sottodomini, cookie tecnici e cookie di terze parti. Ad ogni modo, l’utente potrà gestire, ovvero richiedere la disattivazione generale o la cancellazione dei cookie, modificando le impostazioni del proprio browser internet. Tale disattivazione, però, potrà rallentare o impedire l'accesso ad alcune parti del sito. Le impostazioni per gestire o disattivare i cookie possono variare a seconda del browser internet utilizzato, pertanto, per avere maggiori informazioni sulle modalità con le quali compiere tali operazioni, suggeriamo all’Utente di consultare il manuale del proprio dispositivo o la funzione “Aiuto” o “Help” del proprio browser internet. Cookie tecnici analytics, utilizzati per conoscere il modo in cui gli utenti utilizzano il nostro sito web così da poter valutare e migliorare il funzionamento. Le informazioni e le richieste in materia di privacy possono essere rivolte allo Studio Alessio tramite posta elettronica alla casella: privacy@studio-alessio.it

Close